.
Annunci online

  Joyce [ Questo blog rivela la sua efficacia contro le patologie tipiche delle ideologie politiche, come ansia elettorale, grave deficit umoristico, stress da obbedienza... ]
         







L'Italia è un paese
di morti che,
per sfortuna,
sono ancora vivi.
























































































Disclaimer

L'autore dichiara di non essere
responsabile
per i commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei lettori,
lesivi dell'immagine
o dell'onorabilità di persone
terze, non sono da attribuirsi
all'autore, nemmeno se
il commento viene
espresso in forma anonima
o criptata.

Questo blog non rappresenta
una testata giornalistica
poiché viene aggiornato
senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi
un prodotto editoriale
ai sensi della legge n. 62/2001.


Le immagini pubblicate sono
quasi tutte tratte da internet:
qualora il loro uso violasse
diritti d'autore,
lo si comunichi all'autore
del blog che provvederà
alla loro pronta rimozione.


29 gennaio 2008

La Russia lancia l'esca: modernizzazione conservatrice


Ovvero dell’arte di cambiare le carte in tavola senza farsi scoprire. E magari riuscire pure a fregare la controparte. Declinazione al modo indicativo, tempo presente: Dmitry Medvedev, principe ereditario della corona della Russia democratico-imperiale, sta smerciando in grandi volumi lo slogan della sua campagna elettorale: modernizzazione conservatrice. A parte l’ossimoro linguistico, non c’è bisogno di traduzione per far intendere che la Russia di Medvedev si incamminerà in una lentissima passeggiata verso tiepide riforme filo-pseudo-fanta-quasi-democratiche. Medvedev non è un cekista, non è un oligarca, non è un falco. E’ il contrario: carattere mansueto, filo-liberale, basso profilo, mani pulite. L’identikit del perfetto candidato che piace tanto all’Occidente. Decisamente lontano dai clan in guerra per dominare le cuspidi del Cremlino e parzialmente scremato dalle ostilità di Putin. Ecco il punto ed ecco la fregatura in agguato. Medvedev in sé non rappresenta ancora un osso duro per l’Occidente. Sarà un presidente che è anzitutto un tecnocrate impegnato a gestire piuttosto che a governare. La sua spina nel fianco è essere una marionetta nelle mani del burattiniere Putin. Questo complica tutto, specialmente per l’Occidente, dove le cancellerie hanno ammorbidito la loro critica a Mosca nella speranza di trovare in Medvedev un interlocutore più mite di Putin. Ma una volta insediato Medvedev dovrà pagare il fio della sua cooptazione, nominando Putin primo ministro – a meno di trabocchetti dell’ultimo minuto. A quel punto basterà sbandierare il pupazzo di Medvedev che l’Occidente calerà le brache? E’ quello che spera Putin. La modernizzazione conservatrice fa luccicare gli occhi dell’Europa intimorita dall’avanzata russa e da quella americana. Ma quando Putin è ancora in circolazione i programmi finiscono per bendare gli occhi e dare il via ad un nuovo ciclo di imperialismo russo. Allora sarà più difficile porre resistenza quando la Russia sfodera i suoi artigli e l’Occidente coltiva la speranza che questi artigli siano di plastica. Concedere credito a Medvedev significa dare carta bianca a Putin. L’Europa ha un senso distorto dello spazio politico: continua a credersi l’ombelico del mondo e a credere che la Russia sia una periferia depressa. Il significato subliminale della modernizzazione conservatrice è proprio questo: mimetizzare il potere ferreo di Putin sotto l’apparenza di una Russia cordiale con l’Occidente. D’altronde presto l’Europa scoprirà che il valore delle parole scritte in cirillico è misurato dai metri cubi di gas naturale – e non dalle ideologie concilianti.



(Pubblicato su Ragionpolitica.it)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Russia Europa Gazprom Medvedev Putin

permalink | inviato da Joyce il 29/1/2008 alle 22:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


sfoglia     settembre        febbraio
 


Ultime cose
Il mio profilo



1972
Abr-Nequidnimis
Cantor
Inyqua
Jimmomo
Le Guerre Civili
Schegge di Vetro
The Right Nation
Il Megafono
Liberali per Israele
Daw
KrilliX
Face the Truth
Zanzara
Starsailor
The Mote in God's Eye
Zirgurrat - Nextcon
Daisy Miller
Below the Line
Mikereporter

La Scrittura Creativa
Drowned World
Il Mango di Treviso
Il Giovane Occidente
Esperimento
Pepena
Adestra
Fram!
Monarchico
lalama4
Otimaster
Mariniello
Le Barricate
Gianni Guelfi
Libere Risonanze
Il Pizzino
I miti di Cthulhu
BlacKnights
Pesimedia
Saura Plesio (Nessie)
Marshall
Gabbiano Urlante
Il blog di Ricky
Italiaweb
Fort
Quid tum?
Topgonzo
Entrophia by Emir M.
Blue-highways
Revanche
Raccoon
Piazza Grande
Tricolore
Revanche
Il Rumore dei Miei Venti
Endor
Parbleu
Creez Dogg in Tha House


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom